Pecorino di Fossa di Sogliano al Rubicone

Pecorino di Fossa di Sogliano al Rubicone

Un formaggio antico, salvato dalle invasioni barbariche grazie alle preziose fosse dove venne nascosto…

Nessuna valutazione inserita scrivi la tua recensione

Scrivi una recensione per il prodotto

Per scrivere una recensione devi prima fare login

REGISTRATI

Non sei ancora registrato?
Clicca qui per entrare a far parte della community di Famiglia Gastaldello
Potrai velocizzare i tempi di acquisto ed essere informato su ogni nostra iniziativa!

Nazione Italia
Regione Emilia Romagna
Ricette Zuppa con zucca e spinaci.
Dosi per 4 p.: 1,400 kg. di zucca gialla, una cipolla, 50 g. di spinaci, 100 g. di burro, un dl di panna liquida, 6 dl di brodo di carne, 60 g. di formaggio di fossa, sale, pepe.
Sbucciare 600 g. di zucca e tagliarla a grossi pezzi. In una casseruola far rosolare la cipolla a fettine in 50 g. di burro, unire i pezzi di zucca e il brodo di carne. Far cuocere per circa 20 minuti, poi frullare il tutto aggiungendo altro brodo e la panna. Regolare di sale e pepe. Pulire e lavare gli spinaci e tagliarli a pezzetti. In una padella far scaldare il rimanente burro, unire la restante zucca tagliata a cubetti, sale, pepe e lasciar cuocere per 10 minuti. A cottura ultimata, aggiungere gli spinaci. Disporre la zuppa frullata in piatti fondi ben caldi, distribuirvi sopra i cubetti di zucca con gli spinaci, e cospargere con il formaggio di fossa che avrete prima tagliato a lamelle sottilissime.

Confezione da: 250 g

11,50

Disponibile
Condividi
In Emilia Romagna, precisamente a Sogliano sul Rubicone (antico borgo sulle colline del Cesenate attraversato proprio da quel fiume davanti al quale Giulio Cesare pronunciò la storica frase "il dado è tratto"), il ventre della terra nasconde un importante segreto. Si tratta di alcune fosse che, scavate nel terreno tufaceo e ricco di zolfo, vengono utilizzate per stagionare un formaggio che per gusto e profumo è un'autentica rarità: il "formaggio di fossa", al quale Sogliano dedica persino una sagra che si svolge ogni anno alla fine di Novembre.


Le origini di questi pozzi scavati nel tufo non si conoscono con esattezza. Probabilmente alcuni secoli fa, quando l'Italia era attraversata da scorribande di invasori, i contadini della zona adottavano questa soluzione per nascondervi i viveri e il foraggio per il bestiame. Una volta scampato il pericolo, cioè a distanza di alcuni mesi, questi riportavano alla luce le varie vettovaglie, scoprendo così che il formaggio, a differenza degli altri alimenti, si trasformava acquistando sapori e profumi nuovi straordinariamente arricchiti.


Si presenta quindi con colore paglierino e pasta compatta ma tendente ad una leggera sgranatura; il profumo penetrante tipico delle più nobili muffe; il sapore leggermente piccante tendente, con qualche punta di piacevole amarognolo.


Il "fossa" migliore infatti è prodotto con puro latte di pecora raccolto nei mesi di aprile e maggio, ossia quando il foraggio è decisamente migliore; e le piccole forme, del peso di circa 600/700 grammi, devono prima essere sistemate in cantine per una iniziale stagionatura di circa tre mesi. Il giorno di Ferragosto, per le caciotte prodotte da quei pochissimi fortunati che riescono ad affittare uno spazio, ha inizio l'avventura nelle fosse: il formaggio viene messo in sacche di tela bianca, contrassegnato (mediante un'operazione ancora eseguita con una particolare vernice a base di carbone macinato e olio di lino) e pesato al fine di garantire ai due proprietari delle fosse un obolo in proporzione al peso del prodotto che ciascuno ha messo a stagionare.


A questo punto il formaggio rimane per tre mesi al buio a una temperatura più elevata di quella esterna ed ha inizio la sua trasformazione: da morbido e salato diventa compatto e piccante. A novembre le fosse vengono scoperte per riportare alla luce o, per meglio dire, al palato degli appassionati buongustai, un capolavoro della nostra produzione casearia.
Opinioni dei clienti
Nessuna valutazione inserita scrivi la tua recensione



Acconsento al trattamento dei dati in in conformità all'art. 13 D. LGS. 196/2003 sulla tutela della privacy
digita il codice di sicurezza