Home | Prodotti | Salumi 
 Spalla cruda di Palasone - Presidio Slow Food

Spalla cruda di Palasone - Presidio Slow Food

Questo antico e raro salume viene definito "La Regina della salumeria italiana"

Nessuna valutazione inserita scrivi la tua recensione

Scrivi una recensione per il prodotto

Per scrivere una recensione devi prima fare login

REGISTRATI

Non sei ancora registrato?
Clicca qui per entrare a far parte della community di Famiglia Gastaldello
Potrai velocizzare i tempi di acquisto ed essere informato su ogni nostra iniziativa!

Nazione Italia
Regione Emilia Romagna

Confezione da: 100 g

9,50

Disponibile
Condividi
“…La sua fama soffre forse la vicinanza di altre star della norcineria, ma la Spalla Cruda di Palasone ha una personalità organolettica così importante da non temere confronti. “Se il Culatello di Zibello è unanimemente riconosciuto quale Re dei salumi, la Spalla cruda di Palasone Sissa ne è senza dubbio la Regina” afferma infatti il sito della Pro Loco di Sissa Trecasali (prolocosissa.jimdo.com) in cui si spiega che è “un salume per il quale i masalen o norcini devono sfoderare tutta la loro esperienza e maestria nella lavorazione delle carni”, anche perché “richiede una lunga stagionatura (15 mesi) nelle vecchie e buie cantine coloniche della bassa parmense”.
Palasone è il nome proprio di una frazione del comune di Sissa, in provincia di Parma, la quale come zona di produzione della spalla cruda è documentata dal 1170. La località di Sissa da oltre dieci anni è anche sede della Consorteria della Spalla Cruda di Palasone, il cui disciplinare prevede che essa possa provenire soltanto dagli stessi otto comuni della Dop del Culatello di Zibello: Polesine Parmense, Busseto, Zibello, Soragna, Roccabianca, San Secondo, Sissa e Colorno.

Un salume così raro e prezioso che Slow Food gli ha assegnato un Presidio, ricordando come “la spalla, che in altre regioni viene disfatta e macinata nell’impasto di salami e cotechini, qui trova dignità di grande salume, sia completa di osso sia disossata”, quindi che “la fetta si presenta rosso vivo intenso, quasi rubino, con una presenza visibile delle nervature e delle parti grasse che devono essere di un bianco lucido e brillante, eventualmente solo un po’ rosato”, mentre “in bocca è dolce, fragrante” (www.fondazioneslowfood.com)...”
Fonte: storienogastronomiche.it
Opinioni dei clienti
Nessuna valutazione inserita scrivi la tua recensione



Acconsento al trattamento dei dati in in conformità all'art. 13 D. LGS. 196/2003 sulla tutela della privacy
digita il codice di sicurezza