Cà Apollonio BIO GISLA - PIWI - 2020

Cà Apollonio BIO GISLA - PIWI - 2020

Un easy orange sorprendente che conquista immediatamente con ottimi profumi, un bellissimo colore e piacevole persistenza aromatica.

Nessuna valutazione inserita scrivi la tua recensione

Scrivi una recensione per il prodotto

Per scrivere una recensione devi prima fare login

REGISTRATI

Non sei ancora registrato?
Clicca qui per entrare a far parte della community di Famiglia Gastaldello
Potrai velocizzare i tempi di acquisto ed essere informato su ogni nostra iniziativa!

Nazione Italia
Regione Veneto
Uvaggio Souvignier Gris

Confezione da: 0,750 L

26,00

Disponibile
Condividi
GISLA è un vino definito “easy orange” sorprendente che ti conquista immediatamente. La macerazione a freddo protratta per quasi 24 ore permette di estrarre in maniera delicata e controllata colore e aromi dalla spessa buccia del Souvignier Gris. È un vino fresco, fine e armonico. Un vino “ambrato” che nasce per stupire per la sua facilità e piacevolezza di beva. Un vino che è stato appunto definito un “easy orange”.

Un vino versatile che ben si adatta ad antipasti e primi piatti, a secondi a base di pesce ma anche ad abbinamenti azzardati.


L’azienda agricola biologica Ca’ Apollonio si trova a Romano d’Ezzelino (VI), nel cuore della pedemontana veneta, ai piedi del Monte Grappa, progetto MAB (Man and the Biosphere) UNESCO.

Si sviluppa su diciotto ettari caratterizzati dalla biodiversità: sei coltivati a vigneti, gli altri a ortaggi, frutti antichi, cereali, ulivi, noci, castagni, ciliegi, siepi mellifere e tante altre piante e arbusti ornamentali vitali per cercare di ricostruire il fragile ecosistema originario.

In questo “giardino botanico” certificato biologico, le vigne sono tutte esclusivamente di vitigni PIWI, curate con amore da Maria Pia e Massimo Vallotto, seguendo rigorosamente le direttive dell’enologo Nicola Biasi, già premiato come "Miglior giovane enologo d'Italia 2020 - Vinoway Wine Selection" e "Cult Oenologist 2021" Selection al Merano Wine Festival, che così descrive questi nuovi vitigni: “I VITIGNI PIWI rappresentano ad oggi la migliore e in alcuni casi l’unica strada efficace per una reale viticoltura sostenibile.
La loro naturale resistenza alle malattie fungine permette di ridurre drasticamente il numero dei trattamenti con diversi effetti collaterali positivi: eliminazione della chimica di sintesi, minor compattamento dei suoli, salvaguardia delle risorse idriche e minor produzione di CO2.
Proprio grazie a questa reale sostenibilità ambientale e all’altissimo livello qualitativo raggiunto dai vini prodotti gli esperti ne parlano come “I VINI E I VITIGNI DEL FUTURO”. Testo e immagini dal sito del produttore.
Opinioni dei clienti
Nessuna valutazione inserita scrivi la tua recensione



Acconsento al trattamento dei dati in in conformità all'art. 13 D. LGS. 196/2003 sulla tutela della privacy
digita il codice di sicurezza